brand 2.0Quelli che mi piace qui definire Brand 2.0 sono tutte quelle aziende che, attente alle evoluzioni del mercato e della società, hanno capito l’importanza di essere presenti in Rete.

Già da parecchi anni le aziende aprono siti vetrina in cui ci raccontrano la loro storia, mostrano i loro prodotti e forniscono la possibilità di essere contattate atraverso telefono, e-mail o al massimo form da compilare. Questo non basta più!

Essere presenti sul Web significa entrare all’interno delle conversazioni che si sviluppano tra le maglie di questa intricata Rete, porsi alla pari con gli altri utenti ed instuarare con loro delle vere e proprie relazioni. Relazioni che, come sostiene Kevin Roberts, portano alla fedeltà oltre la ragione. Le marche diverrebbero così dei Lovemarks.

Questo blog si propone di parlare di tutte quelle aziende che hanno deciso di percorrere questa strada, quindi di costruirsi un’identità sul web

Di strumenti sociali o 2.0, che permettono il dialogo in Rete, ce ne sono diversi, dai blog alle wiki, dai social network ai forum. Sta all’azienda capire quale mezzo può rispondere in maniera più adeguata alle sue esigenze.

Io ad esempio per parlare dei Brand 2.0 ho deciso di utilizzare, come potete notare, il blog: mezzo che se da una parte permette un elevato controllo di chi scrive sul suo spazio, dall’altra offre ai lettori un’alta possibilità di partecipazione. Queste sono probabilmente le caratteristiche che lo hanno portato ad essere uno degli strumenti del web più in voga del momento. 

Una piccola spiegazone per quel che riguarda la testata del blog. Sergio Maistrello nel suo libro La parte abitata della Rete, che se non avete letto vi consiglio, paragona i blogger a delle formiche:

[…] ogni giorno escono in cerca di cibo e materiale utile (informazioni, spunti, contenuti rilanciati da altri), ciascuno per conto prorio. Nessuno dice loro come o dove procurarselo, ognuno segue le proprie piste e il proprio fiuto. Quando incontrano riserve di cibo, lasciano traccia del loro passaggio (sotto forma, per esempio, di catene di link che conducono alle fonti originarie), aprendo la strada ai propri simili. Quanti più si interesseranno a un particolare percorso, seguendo le tracce altrui e moltiplicando i link, tanto più quella pista diventerà popolare e frequentata, passando di gruppo sociale in gruppo sociale fino agli hub più influenti. […] Il feromone di Internet è il collegamento ipertestuale […]

Mi metto subito alla ricerca di Brand 2.0! Probabilmente me ne sfuggiranno tanti quindi se vi capita di imbattervi in uno di questi o pensate che l’azienda per cui lavorate possa essere ritenuta tale, sapete cosa fare… basta un commento… ciao a tutti!

Flavia Cangini

9 Responses to “About Brand 2.0”


  1. 1 GIULIO agosto 27, 2008 alle 10:51 pm

    complimenti 6 davvero prolifica come formica operaia. Non sarai mica una Regina?🙂

  2. 2 valentina novembre 3, 2008 alle 5:10 pm

    qualcuno ha della bibliografia sulle brand commnity???mi serve x la tesi!!!

  3. 3 flavia85 novembre 3, 2008 alle 8:45 pm

    no, mi dispiace. Quello che ho scritto nel post https://branduepuntozero.wordpress.com/2008/10/21/brand-community-marketing-tribale-sul-web/ l’ho letto nel libro “I nuovi territori della marca” di Patrizia Musso ma c’è solo un capitolo a riguardo… spero possa esserti comunque d’aiuto! In bocca al lupo per la tesi😉

  4. 4 max novembre 24, 2008 alle 8:14 pm

    ciao – aziende con le orecchie può servire alla tesi di valentina?

  5. 5 flavia85 novembre 25, 2008 alle 1:17 am

    sicuramente su aziende con le orecchie si trovano tanti esempi di applicazione del concetto di brand community e gli esempi pratici, nelle tesi, sono sempre importanti…

  6. 6 ernesto gennaio 26, 2009 alle 11:55 pm

    Complimenti per il tuo blog Brand 2.0
    Anch’io come consulente di organizzazione ho sempre preso ad esempio le formiche; ho passato una domenica intera ad analizzare il loro comportamemto , dopo aver aperto un formicaio per sbaglio.
    Esistono delle regole precise per gestire la complessità :
    davanti ad un imprevisto le formiche sanno sempre ritrovare la strada ( natura insegna)
    Anche noi in questi periodi di recessione dobbbiamo ritrovare la strada

    A proposito di Brand Comunity, dovevo conoscerti prima.

  7. 7 flavia85 gennaio 27, 2009 alle 10:03 am

    io le formiche le ho osservate bene solo quando mi hanno invaso casa e si, sono fin troppo organizzate😉

    grazie dei complimenti! Spero ti vedrò più spesso da queste parti.

    Ciao
    Flavia

  8. 8 giulio gennaio 31, 2009 alle 9:05 pm

    ti ho messo nella mia sitografia ^__^

  9. 9 flavia85 febbraio 1, 2009 alle 12:09 pm

    fantastico…😉


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Add to Technorati Favorites

My del.icio.us

Recent Readers

View My Profile View My Profile View My Profile View My Profile
Internet Blogs - Blog Catalog Blog Directory
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: