Corporate blog: tipologie e vantaggi

Durante queste due settimane di vacanze mi sono trovata un pomeriggio a non sapere cosa fare e voler scrivere qualcosa per il mio blog ma, impossibilitata alla connessione e non potendo quindi cercare news sui vari brand, mi sono messa a riflettere sul valore dello strumento blog per le aziende ed eccovi qua il post.

Nata in America, come la maggior parte delle tendenze, arriva dopo qualche anno in Italia; è la ormai così definita moda dei blog. In realtà si potrebbe parlare più in generale di ribalta dei social media sui media tradizionali e di passaggio dalla unilateralità del messaggio alla bidirezionalità.

I mercati sono conversazioni, si legge nel Cluetrain Manifesto e il Web, grazie alla sua evoluzione in 2.0, è sempre più anch’esso conversazione.

Quale miglior strategia allora che gestire la propria corporate reputation attraverso la Rete e farne un vantaggio competitivo?

Il blog, tra i vari strumenti messi a disposizione da questo mondo virtuale, è quello che al momento sembra aver riscosso maggiore successo, probabilmente, come ci spiega Massarotto nel suo Internet P.R., per due motivi: permette a chi lo gestisce di indirizzare la conversazione e al contempo offre a tutti la possibilità di interagire attraverso i commenti.

I corporate blog si differenziano in:

  • Blog del singolo professionista (ex. Il Disinformatico, di Paolo Attivissimo, giornalista)
  • Blog interno (se li tengono per loro, una sorta di sviluppo della intranet locale)
  • Blog di settore (ex. autoblog, sulle automobili)

La difficoltà per le aziende, come tutti ormai ben sanno, non è tanto nel costruire il blog quanto nel “farlo vivere” e non destinarlo alla triste vita dei siti statici. Quando si apre uno spazio interattivo si creano delle aspettative inevitabilmente da soddisfare. Problema principe saranno quindi i contenuti.

Trovare sempre argomenti nuovi, che possano interessare le persone e che non sembrino eccessivamente di parte, non è facile. Se nei blog interni o in quelli a breve durata in quanto legati a concorsi o eventi, il problema non si presenta, o meglio, si sente meno, in blog aziendali, di prodotto o di marca, trovare una propria linea editoriale, consona all’azienda e ai suoi fini, non è sempre facile.

Certo è che sapere cosa il tuo pubblico pensa di te, del tuo prodotto o anche più in generale del settore nel quale operi, non è un vantaggio da sottovalutare.

Le persone, sul Web, possono “capitare dalle tue parti” per caso o venirti a cercare, possono voler parlare direttamente con te, nei tuoi spazi o possono andare in altri forum, siti, blog o social network a dare o ricevere consigli.

Essere presenti in Rete significa avere uno spazio per tutte queste persone: potrai soddisfare le esigenze di chi vuole saperne di più o rispondere in maniera costruttiva a chi di te ha parlato altrove.

Digitando su Google “corporate blog vantaggi” ecco cosa ho trovato, in particolare su infotel telematica:

  • attraverso il Corporate Blog, l’azienda si pone come specialista, dimostra professionalità e ci guadagna in immagine, gradevolezza e reputazione
  • è utile ai fini della visibilità e del posizionamento sui motori di ricerca in quanto l’aggiornamento costante e la forte tematicità dei post sono elementi molto graditi dai motori
  • consente il confronto diretto con i clienti (aggiungerei con tutti gli stakeholders) e offre all’azienda la possibilità di comunicare e curare il rapporto con essi in prima persona, particolarmente importante nei momenti di crisi
  • offre la possibilità di presentare un’idea o un prodotto nuovo o poco conosciuto

Direi che tutti gli sforzi sopra menzionati, di fronte ai vantaggi appena citati, trovano un valido motivo per esistere.

Mi rimangono altre due cose veloci veloci da ricordarvi.

Il blog è uno sforzo comune, che coinvolge l’intera azienda ed è in quest’ottica che va affrontato: più persone vi parteciperanno meglio svolgerà il suo ruolo.

Non abbiate paura che il vostro bel blog possa divenire un ufficio reclami che voi inconsciamente avete reso ben visibile a tutti. Quello che la gente pensa si viene sempre a sapere, soprattutto oggi che le tecnologie ci permettono di comunicare così facilmente. Meglio poter rispondere direttamente e dare segno di professionalità sperando che quel cliente, forse fino a quel momento perduto e che probabilmente avrebbe parlato male di noi ad altri sette suoi amici, ci ripensi o anche solo aggiunga alla fine della sua storia “almeno mi hanno risposto…”

Naturalmente il discorso non finisce qui… tornerò sicuramente a parlare di corporate blog!

fonte infotel telematica

0 Responses to “Corporate blog: tipologie e vantaggi”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Add to Technorati Favorites

My del.icio.us

Recent Readers

View My Profile View My Profile View My Profile View My Profile
Internet Blogs - Blog Catalog Blog Directory
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: